allenarsi outdoor

Allenamento Outdoor. Perché è importante allenarsi all’aperto?

Che ruolo ha l’allenamento outdoor nel fitness e nel Movement Training? Analizziamo l’importanza di allenarsi all’aria aperta.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

È interessante notare come ai tempi della quarantena del coronavirus, l’opzione di allenarsi outdoor sia stata percepita da molti come una soluzione estrema per poter continuare l’allenamento anche in questa situazione, in cui tutte le palestre sono chiuse e non si hanno altre alternative.

Notiamo come l’esterno sia visto come alternativa all’indoor, quasi come in opposizione, e non invece come un luogo dall’equivalente valore.

Dal nostro punto di vista invece, l’esterno è complementare all’interno.

Indoor vs Outdoor

L’indoor tende a essere privilegiato per questioni di comodità, in quanto un ambiente chiuso può essere settato e approntato in maniera molto precisa e a seconda delle necessità. Indoor non vi sono imprevisti, è l’interno che si adatta a noi.

Al contrario, outdoor siamo noi che dobbiamo adattarci all’ambiente in cui ci troviamo.

Le persone non sono abituate a stare all’aperto. Psicologicamente la maggior parte delle persone è abituata a vivere e a muoversi al chiuso. Ci si sveglia in casa, si entra in macchina e si va in ufficio o in fabbrica, si rientra in macchina e si va in palestra, e così via. Si vive sempre chiusi dentro a delle scatole.

Il tipo di ambiente in cui ci si abitua a stare e a muoversi plasma inevitabilmente anche il nostro mindset. L’ambiente presettato, come può essere quello di una palestra, rispecchia infatti l’idea di fitness che ha la maggior parte dell’utenza media.

Le funzioni dell’allenamento outdoor

Invece l’ambiente esterno richiede di “rifunzionalizzare” quello che si vede usando un minimo di creatività. Di conseguenza, l’ambiente in cui ci si allena costringe anche a dover ridefinire in parte il concetto stesso di allenamento.

I trainer che decidono di svolgere i loro allenamenti all’aria aperta, devono essere ben preparati, soprattutto in certi contesti. Un conto è fare jumping jack al parco, un altro è iniziare a usare elementi esterni urbani o naturali, come scale o alberi come veri e propri strumenti.

Oltre alla sua funzione di rimodulare l’allenamento e di stimolare la creatività, l’allenamento outdoor svolge anche un’altra funzione molto importante: quella di insegnare ad adattarsi a ciò che ci sta intorno.

All’aperto, i movimenti che magari abbiamo perfezionato in un ambiente indoor, vengono messi alla prova. Questo processo, porta a impadronirsi veramente dell’essenza di uno schema motorio e di una tecnica.

L’outdoor è un contesto che cambia, non ha misure predefinite, ha un’estrema varietà di forme e irregolarità.

Inoltre gli stimoli variano da ambiente ad ambiente, e arrivano addirittura a modificare la qualità del movimento. È estremamente interessante vedere come gli stessi movimenti, fatti dalla stessa persona, subiscano variazioni anche “di stile” a seconda che siano fatti indoor o outdoor.

Tenuto conto di questi elementi importanti, indoor e outdoor dovrebbero essere integrati in una pratica bilanciata. Soprattutto in una pratica di movement, è importante muoversi sia all’aperto che al chiuso.

Consigli utili per allenarsi all’aperto

Anche per allenarsi all’aperto è importante la gradualità. Se non vi siete mai allenati outdoor, iniziate prima a lavorare su quello che vorreste sperimentare indoor, e poi gradualmente applicatelo fuori.

Vestitevi a strati, soprattutto nei periodi più freddi. Un altro vantaggio di allenarsi outdoor è che ci si condiziona anche alle intemperie, ma anche questo è un processo che va fatto con estrema gradualità. Cercate quindi di avere un vestiario che sia facilmente adattabile, in cui possiate togliere o aggiungere velocemente strati a seconda delle necessità.

Le prime volte magari cercate di uscire in giornate in cui le temperature non siano troppo basse. Anche d’estate comunque bisogna fare attenzione, perché se non siete abituati il caldo farà aumentare i tempi di recupero.

Più si sta all’aperto, meno si soffrono sia il freddo che il caldo. E se si fa per diverso tempo, anche le difese immunitarie aumentano.

È anche importante selezionare bene il posto. Questa è un’abilità che si sviluppa con l’esperienza, magari inizialmente scegliete degli spot che sono già in parte attrezzati con sbarre e così via. Andate in un posto che conoscete bene, un parco in cui magari giocavate da piccoli, informatevi online, seguendo le persone che si allenano all’aperto, e fate qualcosa che già padroneggiate.

In conclusione, divertitevi, sperimentate, e continuate a seguire le nostre live sull’account instagram di Movement Milano!

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi